Di imponenti dimensioni, si avvantaggio’ in altezza durante la ristrutturazione rinascimentale che richiese, per meglio valorizzare la grandiosa quattrocentesca Crocifissione affrescata sulla parete di fondo ed attribuita a Floriano Ferramola, le architetture dipinte dal quadraturista Tommaso Sandrini nel 1608.

Le figure nei riquadri delle volte e delle pareti sono opera del sandrini e di Francesco Giugno.

REFETTORIO